Affrontare le Difficoltà

Una coppia può trovarsi di fronte a molte difficoltà: sentimentali, familiari, di salute… Avere problemi in una relazione è del tutto normale. La sfida è superarli. Nei momenti difficili occorre trovare soluzioni. Anche la coppia, nelle difficoltà, mette in atto soluzioni che la rendono più forte. Questo è anche ciò che fa una coppia: restare insieme per superare le difficoltà, piuttosto che affrontare la prova da soli.

Perdono e preghiera

Gesù è presente nella relazione di coppia. Supporta fedelmente gli sposi, dal giorno del matrimonio. Il sacramento del matrimonio dà la forza per superare le difficoltà, se ci rivolgiamo con fiducia a Cristo.

Il sacramento serve a «renderci forti nella vita, per renderci coraggiosi, per poter andare avanti!”. È questa grazia che dà la forza per vivere «le tre parole chiave in famiglia come permesso, grazie, scusami» e «perdonarsi ogni giorno». (Papa Francesco – ottobre 2013).

Il perdono è al centro della vita di coppia; permette di superare le crisi, di ricostruire, di far durare la coppia. Il perdono non è facile, ma Gesù Cristo ha mostrato la via perdonando.

Accoglienza di separati, divorziati e nuove unioni

Qualunque sia la situazione che stai vivendo, la Chiesa Cattolica ti accoglie e ti offre la possibilità di incontrare una persona competente.

La Chiesa cattolica accoglie persone e coppie separate, divorziate e in nuova unione per rileggere il loro cammino e discernere in coscienza come meglio seguire Cristo alla luce del Vangelo e nello spirito dell’Amoris laetitia di Papa Francesco.

Quando un bambino non arriva...

I cristiani comprendono la sofferenza delle coppie che non riescono a procreare. Le coppie interessate dall’infertilità possono ricorrere alla medicina, a condizione che non vada contro la dignità umana, i diritti del bambino che arriverà. Per la Chiesa il desiderio di un figlio non deve trasformarsi in un “diritto al figlio”; non può giustificare tutte le pratiche mediche che consentono la procreazione.

In attesa di un figlio disabile...

Aspettavate un bambino ma non è nato…    Aborto, aborto spontaneo, morte in utero: involontariamente o meno, la catena della vita è stata interrotta. Oggi avete bisogno di esprimere questa ferita e di essere ascoltati, senza giudizi. La Chiesa cattolica vuole dirvi quanto sia stato e sia profondamente “ingiusto” quello che è successo, ma “non perdete la speranza”. Dio vi ama e il suo amore non manca. La Chiesa vi ascolta e vi sostiene.