Le 4 Parole del Matrimonio

La Chiesa accoglie il progetto di chi vuole amarsi per tutta la vita. Ed è vicino a loro per aiutarli.

Creare una famiglia è un compito bellissimo. Difficile… ma tutt’altro che impossibile se le fondamenta del matrimonio poggiano su 4 parole fondamentali:

Libertà

L'amore è libero

Per essere un vero dono, l’amore non deve essere un obbligo o un dovere: deve essere libero, incondizionato, senza un contratto che imponga ciò che ciascuno deve all’altro. L’amore non fa calcoli, si dona senza contare il costo, senza aspettarsi nulla in cambio.

Fecondità

L'amore è fecondo

L’amore vero, per sua natura, è fecondo: desidera produrre frutti, creare vita, dare vita. La fecondità dell’amore diventa vita nei figli, ognuno dei quali è un dono unico dell’amore di Dio per la coppia. E se la coppia non può avere figli? Può succedere… Il “noi” dell’amore si allarga per creare nuove relazioni, per accogliere progetti di adozione o affidamento, per essere servizio fecondo alla società.

La fecondità della coppia si allarga e si traduce in mille modi di rendere presente l’amore di Dio nella società.

Papa Francesco, Amoris laetitia 183-184

Indissolubilità

L'amore è per sempre

Gli innamorati desiderano appartenere l’uno all’altro per sempre, dalla giovinezza alla vecchiaia, fino alla morte e oltre. Con il sacramento del matrimonio, Dio “sigilla” (=conferma solennemente) l’alleanza tra gli sposi e offre loro il dono di un legame “per sempre”, così come è il suo amore per ciascuno degli sposi e per tutta l’umanità.

Colui che non si decide ad amare per sempre, è difficile che possa amare sinceramente un solo giorno.

San Giovanni Paolo II, 8 aprile 1987, Argentina

Fedeltà

L'amore è fedele

Il matrimonio non è un contratto, ma un’alleanza d’amore ad immagine dell’Alleanza di Dio con il suo popolo e di Gesù Cristo con la sua Chiesa. Come Gesù che ha amato fino alla fine, fino a dare la vita.

Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto.

(Mt 19,6)